Aderire a DatiUmbria - Procedura e Modulistica

INTRODUZIONE:

Gli enti locali che aderiscono all’iniziativa regionale debbono prima di tutto formalizzare la loro volontà con un Atto di adesione, come specificato dalle “Linee guida per Enti locali e altre istituzioni regionali“, adottate dalla Giunta Regionale Con DGR n. 371 del 27/3/2015 al fine di standardizzare i processi operativi finalizzati alla pubblicazione e definire le modalità di adesione da parte degli EE.LL. e Enti pubblici del territorio al progetto di repertorio condiviso.
Per i Comuni l’adesione si attua attraverso una delibera di giunta comunale di cui viene fornito in appendice alla linee guida uno schema esemplificativo.
L'Ente è tenuto anche ad indicare alla Regione Umbria il “soggetto (referente) con ruolo di governo che sovraintende al processo di identificazione e pubblicazione dei dati”.  
Nell’atto di adesione viene specificata anche la modalità con cui si intende utilizzare i servizi dell’infrastruttura regionale per la pubblicazione di Open Data.  Le linee guida prevedono infatti 3 modalità possibili che comportano gradi diversi di autonomia ed impegno dell’Ente nel processo di pubblicazione di Open Data. 
Per tutti i dati presenti nel catalogo la Regione monitora i download dei dataset, le valutazioni e le richieste degli utenti.
1. Pubblicazione dei dati da parte della Regione Umbria 
In questa modalità l’ente individua i dataset da pubblicare e fornisce a corredo la descrizione, i metadati e l’accesso ai dati, la Regione supporta l’analisi e la preparazione dei dati e provvede a verificarli e a caricarli sul catalogo open data. 
Nelle linee guida si indica la modalità 1 come la più semplice e maggiormente percorribile nel caso di un ente di piccola dimensione con un numero limitato di dati da pubblicare. Si suggerisce anche un’indicazione sul numero dei dataset stimati sotto i quali è indicata la modalità 1: fino a 15/20 dataset all’anno.
2. Pubblicazione dei dati da parte dell’EE.LL. / istituzioni pubbliche 
La modalità 2 è per gli Enti che intendono utilizzare in autonomia l’infrastruttura regionale per tutte le attività finalizzate all’inserimento dei dati nel catalogo (fasi “collect” e “prepare” del ciclo di vita dei dataset).
La Regione, una volta che l'ente ha pubblicato i propri dati sul portale regionale in modalità privata, si riserva di verificare la rispondenza della pubblicazione agli standard per quanto riguarda, formato, qualità e meta-datazione, richiedendo eventuali modifiche se necessario. In caso di esito positivo pubblica il dato e ne dà comunicazione all'ente.
3. Federazione tra portali degli EE.LL./Istituzioni pubbliche e Regione Umbria 
Gli Enti che si sono dotati o intendono dotarsi di una infrastruttura propria per la pubblicazione di Open Data possono comunque federarsi all’iniziativa regionale. Il repertorio regionale è in grado di rendere i dati e metadati dei cataloghi federati visibili in modo analogo agli altri dati, purché i cataloghi federati siano realizzati con tecnologia compatibile (CKAN).
Il catalogo regionale dei dati aperti può collegare i dati dei portali federati secondo lo standard del portale nazionale. Le linee guida sottolineano in proposito che “I soggetti aderenti alla federazione non rinunciano alla propria autonomia ma utilizzano il catalogo regionale per dare informazioni anche sui propri dataset. In questo modo si facilita l'utente evitando loro la ricerca su diversi portali e si fornisce un'immagine quanto più possibile unitaria e coordinata del territorio anche a livello nazionale attraverso il sito dati.gov.it.” 
Nel caso in cui non ci sia compatibilità tra la piattaforma regionale e i cataloghi federati sarà necessario adottare soluzioni di interoperabilità da attuare a seconda del caso specifico.